Italiano
Deutsch
Español
Français
Polski
Português
Română
繁體中文

Trattamento con cellule staminali per la retinopatia pigmentaria Esperienza del paziente

⏲️6 minutes read

Al paziente rumeno Ovidiu Simion è stata diagnosticata una retinopatia pigmentaria, una condizione che accelera la degenerazione del campo visivo. I pazienti affetti da questa patologia sperimentano una crescente perdita della vista e possono avere la sensazione di guardare attraverso un telescopio a causa del limitato campo visivo. Di seguito una breve intervista che descrive il viaggio del paziente dalla ricerca del trattamento con cellule staminali per la retinopatia pigmentaria all’esperienza di trattamento in Cina, ai risultati e alle aspettative, fino al ritorno a casa.

Ovidiu Simion ha effettuato un controllo oculistico in ospedale.

L’intervista che segue è trascritta dall’originale rumeno e riflette l’esperienza di trattamento e le opinioni del paziente.

Descriva il suo stato fisico prima del trattamento con cellule staminali. Quali sono i sintomi della retinopatia pigmentaria e che cosa avete riscontrato personalmente voi/il paziente?

Prima di arrivare in Cina e alla clinica, ero molto stanco a causa del lavoro. Fisicamente mi sentivo molto teso, stanco, eccitato da come sarebbe stato e da cosa sarebbe stato. Ora, dopo tre giorni di trattamento, mi sento più rilassato e molto meglio.

Come ha conosciuto la terapia con le cellule staminali? Cosa ne pensate della tecnologia? C’erano preoccupazioni o speranze prima di arrivare?

In Romania, ho un buon amico sacerdote che conosce la signora Alina Radescu, rappresentante dei pazienti rumeni presso Beike. Mi ha messo in contatto con la signora Alina che mi ha aiutato durante tutto il processo. Per quanto riguarda le aspettative, ero molto riservato e lo spiego con le numerose delusioni che ho avuto in Romania.

Il personale Beike con l'Ovidiu nella struttura di trattamento

Come ha trovato Beike? Cosa l’ha portata a scegliere Beike come opzione di trattamento?

Ho visto molti medici anche nella capitale rumena, Bucarest, medici che mi hanno dato speranza e, alla fine, è stata una grande delusione. Ho visitato anche altri medici rumeni, ma la delusione è stata la stessa. Non c’è speranza! Questa volta, però, è stato Dio a volerlo; ho iniziato con il solo pensiero che la terapia con le cellule staminali è l’unica e più sicura soluzione . E grazie a Dio, sento che il mio canale visivo è stato sbloccato e sono sicura che i miglioramenti ci saranno. Sono ottimista su questo punto.

Quali erano le sue aspettative di trattamento prima di andare in Cina? Che cosa sperava di ottenere in particolare?

Volevo superare la mia paura. Questo, negli ultimi anni, mi ha stritolato molto poco. Mi piace essere indipendente. Non voglio dipendere da un’altra persona. Voglio essere padrone dei miei istinti e delle mie decisioni. Solo l’idea di dover dipendere da un bastone mi spaventava. Naturalmente, dentro di me, sono impaziente e non vedo l’ora di guarire. So che i miglioramenti ci saranno, ma devo avere pazienza. Mostrando pazienza per tanti anni, ora l’unica cosa che devo fare è continuare a essere paziente. Mi piace essere indipendente e autonomo. Grazie a Dio e grazie a voi che siete a Beike che date la vita a quelle persone che in realtà sono bloccate dai sistemi sanitari e palliate quelle in condizioni irreversibili e senza alcuna possibilità di recupero.

Ovidiu Simion e suo figlio con Alina nell'ufficio di Beike.

All’arrivo, come sono stati i primi giorni? Era comodo, confortevole, ecc.

A partire dal prelievo dall’aeroporto da parte del personale di Beike Biotechnology, ho avuto la sensazione non di un primo incontro, ma semplicemente di tornare in un luogo dove sono già stato. Dico questo, forse perché è stata talmente buona la collaborazione su internet con la Rappresentante rumena, prima di arrivare a Shenzhen, in Cina, che l’impatto dell’ignoto è stato ridotto o eliminato dal calore con cui siamo stati accolti, sia io che mio figlio.

Cosa ne pensa dell’ospedale Shixin e del personale Beike in generale?

L’accoglienza calorosa all’aeroporto di Shenzhen, la visita alla sede centrale di Beike e il test medico all’ospedale oftalmico di Shenzhen hanno dimostrato serietà, puntualità, professionalità e disponibilità a lavorare bene con ogni essere umano. Queste persone hanno una determinazione, questa cosa è specifica delle persone asiatiche. Ho notato, dalla semplice addetta alle pulizie al medico che si è preso cura di me qui, al direttore e al personale di Beike e dell’Ospedale Shixin, un atteggiamento che aiuta il paziente che soffre. Ho sentito che queste persone fanno il loro lavoro con pazienza, il che aiuta sia il paziente che l’istituzione che rappresentano.

La rappresentante Alina ha accompagnato il paziente Ovidiu Simion a visitare l'edificio Beike.

Che ne dite di visitare il quartier generale di Beike?

Fin dall’inizio sono rimasto colpito e lo sono tuttora dal programma con cui il personale di Beike ci ha presentato e portato a visitare la sede centrale di Beike. Il Rappresentante si è soffermato a presentare i compiti di ciascun membro della Società. Quello che ho notato e sentito è, in effetti, il desiderio del Rappresentante dei Pazienti rumeno di essere più vicino al paziente, più vicino alle sue preoccupazioni e alle sue sofferenze. Il paziente che non è mai stato qui lo riceve come un vero e proprio relax. Mi sono sentito parte della vostra famiglia, quella della Beike Biotechnology. Ero stanco a causa del viaggio, ma facevo del mio meglio per non perdere nessun dettaglio che il rappresentante ci stava dando. Mi sono sentita parte della famiglia Beike.

Ci parli di qualche risultato che ha visto. Inoltre, cosa pensa di questo approccio completo, che include la nutrizione e la medicina funzionale, che va di pari passo con la terapia cellulare?

I miei pensieri sono tutti rivolti verso una maggiore soddisfazione, gratitudine, rispetto e mi inchino di fronte a tutti coloro che ho incontrato in questo Paese. Sono molto soddisfatto di tutte le persone che ho incontrato qui, sia in campo medico che terapeutico e umano. Sì, è un altro mondo basato sul buon senso, sul rispetto, sull’onestà, sulla modestia e sulla grande competenza. Sono fortunato perché ho potuto avvicinarmi a queste persone e ringrazio Dio e i tanti amici rumeni che mi hanno sostenuto in questo progetto dell’anima per realizzare un desiderio a lungo atteso: il trattamento con le cellule staminali. Raccomando il trattamento con le cellule staminali a tutti coloro che sono privati di soluzioni dalla medicina convenzionale.

Un altro approccio alla salute è dato dalla medicina cinese. La medicina cinese tratta l’origine della malattia, la radice della malattia. Non vedo l’ora di venire a fare un secondo ciclo per questo trattamento miracoloso. Dico “miracoloso” perché, essendo un masoterapeuta, capisco molto bene il programma di terapie complementari che aveva preparato e pulito i canali che erano intasati, inceppati. Queste terapie hanno avuto un ruolo importante prima di iniettare le cellule staminali. Nel complesso, formano un insieme che ho sentito, ho notato.

Grazie a tutti coloro che si sono presi cura di me qui in Ospedale, alla Clinica oftalmologica, alle cose di Beike, auguro loro buona salute e saggezza per continuare questo bel progetto atteso da molte persone, che sono prive di soluzioni. Che Dio aiuti tutti i bisognosi. Sarò un corrispondente della Compagnia Beike incondizionatamente. Lo farò con tutto il cuore perché questo è ciò che ho ricevuto e questo è ciò che mi è stato offerto: aiuto e speranza. Agli altri offro lo stesso: umanità, rispetto e apertura all’informazione, al chiarimento e, perché no, alla determinazione di ottenere il trattamento con le cellule staminali. Che Dio vi protegga! Grazie mille per tutto!

Are you interested in stem cell treatment?

Informatevi qui

Riferimenti

  1. Isabel Zwart, Andrew J. Hill, Faisal Al-Allaf et al. Umbilical cord blood mesenchymal stromal cells are neuroprotective and promote regeneration in a rat optic tract model. Experimental Neurology 216 (2009) 439–448.
  2. Annegret Dahlmann-Noon et al. Current approaches and future prospects for stem cell rescue and regeration of retina and optic nerve. can J Ophthalmol 2010;45:333-41.
  3. Naoko Koike Kiriyama et al. Human cord blood stem cells can differentiate into retinal nerve cells. Acta Neurobiol Exp 2007, 67;359-365.
  4. Rubens Camargo SiqueiraI; Júlio Cesar Voltarelli; André Marcio Vieira Messias; Rodrigo Jorge. Possible mechanisms of retinal function recovery with the use of cell therapy with bone marrow-derived stem cells.
  5. Tantai Zhao & Yunqin Li & Luosheng Tang et al. Protective effects of human umbilical cord blood stem cell intravitreal transplantation against optic nerve injury in rats. Graefes Arch Clin Exp Ophthalmol DOI 10.1007/s00417-011-1635-7.
  6. Yiming Huang & Volker Enzmann & Suzanne T. Ildstad. Stem Cell-Based Therapeutic Applications in Retinal Degenerative Diseases. Stem Cell Rev and RepDOI 10.1007/s12015-010-9192-8.
  7. Pinilla I, Martin Nieto J, Cuenca N. Stem Cell Potential Uses in Retinal Dystrophies. Arch Sic Esp Oftalmol 2007; 82: 127-128.
  8. Paul S. Baker and Gary C. Brown. Stem-cell therapy in retinal disease. Current Opinion in Ophthalmology 2009, 20:175–181.